Riccardo TargettiMagistrato & Scrittore

M

L’ultima via di uscita

- Una indagine criminale nell’Italia fascista

Racconti - pensieri e idee

Autore: Riccardo Targetti Anno di pubblicazione: 2015

“Credo che sei settimane bastino e avanzino a trovare il tempo per una firma su un atto giudiziario. O devo pensare che non vi sia interesse del rappresentante di sua maestà il re-imperatore per l’esito di un’indagine criminale?”
Il giudice Ridolfi aveva parlato tutto d’un fiato e ora tacque, attendendo la reazione dei suoi illustri interlocutori.
“Questo è troppo!” urlò il Procuratore Forlivesi, punto sul vivo da quella sottile insinuazione. “Non vi permetto di mettere in dubbio l’equanime conduzione dell’ufficio di Procura che ho l’onore di dirigere. Presidente Benazzi” aggiunse, rivolgendosi al capo di quell’impertinente magistrato seduto davanti a lui, “vi chiedo formalmente di sostituire il dottor Ridolfi che non è evidentemente più in grado di condurre con serenità questa indagine”.

1936, anno XIV dell’Era Fascista. Al presidente del Tribunale di Milano giunge dal Ministero degli Esteri retto da Galeazzo Ciano la richiesta di riesaminare un vecchio caso criminale. Nel 1917, in piena guerra, una famiglia di ricchi industriali svizzeri è stata massacrata nel suo appartamento milanese. I colpevoli, due balordi prontamente arrestati, sono stati a suo tempo processati e severamente condannati. Perché, allora, riaprire l’istruttoria vent’anni dopo? E perché affidarla a un giudice di basso livello come Arturo Ridolfi, detto “lo zoppo”, un mutilato di guerra normalmente adibito a procedimenti per furto, rissa e piccole truffe? L’apparente semplicità del caso non spiega poi perché alcune personalità del Regime sostengano a parole la richiesta del ministero, ma facciano poi di tutto per ostacolare le nuove indagini. Arturo Ridolfi si rivela un giudice pignolo, testardo e capace. Non lo spaventa indagare anche tra le alte sfere, andando contro le regole non scritte del Regime. Grazie all’intraprendenza del giova- ne brigadiere romano che lo assiste, il giudice riesce ad aprire uno squarcio su uno scenario molto più ampio e drammatico di quello di un efferato delitto per rapina. Sullo sfondo, la guerra civile in Spagna, le celebrazioni e i fasti delle Olimpiadi nel Reich Hitleriano e un mondo che si avvia a grandi passi verso un secondo, ancor più catastrofico conflitto.

ISBN: 978-8895630311 Acquista: Amazon - MediaEdi - IBS
  • L’ultima via di uscitaRacconti - pensieri e idee

  • Sopravvivenza 0,1%Racconti - pensieri e idee

  • Settimana di turnoRacconti - pensieri e idee

  • La città dei segretiRacconti - pensieri e idee

  • Reati societariTesto accademico

  • Bancarotta
    e reati societariTesto accademico

  • Il rischio penale
    nelle operazioni societarie,
    bancarie e finanziarieTesto accademico

M
5

L’ultima via di uscita

- Una indagine criminale nell’Italia fascista

Racconti - pensieri e idee

Autore: Riccardo Targetti Anno di pubblicazione: 2015

“Credo che sei settimane bastino e avanzino a trovare il tempo per una firma su un atto giudiziario. O devo pensare che non vi sia interesse del rappresentante di sua maestà il re-imperatore per l’esito di un’indagine criminale?”
Il giudice Ridolfi aveva parlato tutto d’un fiato e ora tacque, attendendo la reazione dei suoi illustri interlocutori.
“Questo è troppo!” urlò il Procuratore Forlivesi, punto sul vivo da quella sottile insinuazione. “Non vi permetto di mettere in dubbio l’equanime conduzione dell’ufficio di Procura che ho l’onore di dirigere. Presidente Benazzi” aggiunse, rivolgendosi al capo di quell’impertinente magistrato seduto davanti a lui, “vi chiedo formalmente di sostituire il dottor Ridolfi che non è evidentemente più in grado di condurre con serenità questa indagine”.

1936, anno XIV dell’Era Fascista. Al presidente del Tribunale di Milano giunge dal Ministero degli Esteri retto da Galeazzo Ciano la richiesta di riesaminare un vecchio caso criminale. Nel 1917, in piena guerra, una famiglia di ricchi industriali svizzeri è stata massacrata nel suo appartamento milanese. I colpevoli, due balordi prontamente arrestati, sono stati a suo tempo processati e severamente condannati. Perché, allora, riaprire l’istruttoria vent’anni dopo? E perché affidarla a un giudice di basso livello come Arturo Ridolfi, detto “lo zoppo”, un mutilato di guerra normalmente adibito a procedimenti per furto, rissa e piccole truffe? L’apparente semplicità del caso non spiega poi perché alcune personalità del Regime sostengano a parole la richiesta del ministero, ma facciano poi di tutto per ostacolare le nuove indagini. Arturo Ridolfi si rivela un giudice pignolo, testardo e capace. Non lo spaventa indagare anche tra le alte sfere, andando contro le regole non scritte del Regime. Grazie all’intraprendenza del giova- ne brigadiere romano che lo assiste, il giudice riesce ad aprire uno squarcio su uno scenario molto più ampio e drammatico di quello di un efferato delitto per rapina. Sullo sfondo, la guerra civile in Spagna, le celebrazioni e i fasti delle Olimpiadi nel Reich Hitleriano e un mondo che si avvia a grandi passi verso un secondo, ancor più catastrofico conflitto.

ISBN: 978-8895630311 Acquista: Amazon - MediaEdi - IBS
M
4 5

Sopravvivenza 0,1%

- Il ritorno degli incubi medioevali

Racconti - pensieri e idee

Autore: Riccardo Targetti Anno di pubblicazione: 2013

Isabella gli chiese di dare un’occhiata alle carte redatte da Arianna. All’inizio lo studioso leggeva con un filo di distacco, ma dopo qualche pagina il sorriso gli sparì dal volto. Si interruppe pensoso, si accomodò sulla sedia e si rimise a leggere tutto da capo. Alla fine restituì l’incarto con lo sguardo corrucciato. "Dove ha trovato queste carte, avvocatessa?" "Deve averla scritta una mia conoscente. – Isabella non se la sentiva ancora di parlare di Arianna e preferì stare sul vago – Lei cosa ne pensa, professore?" 'Cosa ne penso? Che la cosa è decisamente seria." "E lei ritiene che al giorno d’oggi ci siano dei rischi?" "Rischi? – le rispose – Se questo studio non è un anticipo del prossimo carnevale, c’è in giro qualcosa di più pericoloso di una bomba atomica."

Arianna, giovane biologa di Milano, si reca negli Stati Uniti per scoprire il mistero racchiuso in una valigetta, consegnatale da un missionario di ritorno dall’Africa e quando si trova ad un passo da una sconvolgente scoperta, la sua vita termina in uno strano incidente aereo. Intanto un giornalista di New York cerca di scoprire cosa si nasconda dietro un faraonico progetto per costruire nel Continente Nero una città del futuro. Ma ancora una volta la morte attende chi ficca il naso nei misteri di “New Morombe”. In Italia però c’è chi non si rassegna alla versione ufficiale sulla morte della scienziata: Isabella, la sorella di Arianna e Rosi, un maggiore dei carabinieri, che inizieranno una difficile e pericolosissima caccia alla verità tra le nebbie di Milano e il gelo della Scandinavia, le colossali transazioni finanziarie di Wall Street e le jungle africane, dove si nasconde lo spettro dell’Apocalisse planetaria.

ISBN: 978-88-910615-91 Acquista: Amazon - ilmiolibro.it
M
4 5

Settimana di turno

Racconti - pensieri e idee

Autore: Riccardo Targetti Anno di pubblicazione: 2008

Davanti alla mia porta mi trovai di fronte due occhietti furbissimi e ironici, nascosti da spesse lenti da vista, che lo facevano sembrare una talpa dei cartoni animati. I trafficoni, i bancarottieri e gli squali della finanza lo consideravano una infame spia dei Tribunali.
“Ma è possibile – gli chiesi – che, con tutto quello che è successo negli anni scorsi, tra crack alimentari e bond sudamericani, ci siano ancora in giro tanti cretini che credono alla favola del guadagno sicuro?”
“Dottore, sa come è definita la Borsa Valori? Il luogo dove i fessi vengono separati dal loro patrimonio.”

Una cooperativa edilizia travolta dai debiti, una rapina in banca terminata nel sangue, una strana morte in un impianto sportivo: c’è qualcosa che accomuna questi fatti, che hanno scandito l’estenuante “settimana di turno” del Pubblico Ministero Fitzwalder? Oppresso da un tragico errore e angosciato dal fossato che lo sta allontanando dalla giovane moglie, Patrick non si accontenta delle varie versioni ufficiali, imposte da un ambiente che vuole chiudere in fretta un caso scottante. Solo il suo intuito e la sua cocciutaggine lo condurranno a scoprire, all’esito di un processo duro e teso, i sottili fili che legano l’imprenditoria cittadina al sottobosco criminale e all’assassinio di un chiacchierato uomo d’affari.

ISBN: 979-88-89721-34-6 Acquista: Proedi editore
M
4 5

La città dei segreti

Racconti - pensieri e idee

Autore: Riccardo Targetti Anno di pubblicazione: 2005

Un giovane magistrato approda in una sonnachiosa cittadina, opulenta e ipocrita, e insieme a unʼispettrice di polizia da inizio a unʼindagine sulla scomparsa di alcune studentesse universitarie. A dispetto dellʼapparente tranquillità della vita provinciale, si imbattono in traffici illegali, corruzioni e frodi, commessi sotto la soffocante cappa stesa dal gruppo imprenditoriale che manovra la città. La striscia di sangue che seguono e che lega i poteri finanziari con il crimine organizzato,a un tratto si incrocerà con la strada di due bizzarre studentesse di medicina. Solo allora riusciranno a scoprire cosa è accaduto allʼunico uomo che aveva tentato di sconfiggere i padroni della città dei segreti.

ISBN: 88-88016-73-2 Se sei interessato a questo libro contattami: info@riccardo-targetti.it

Prefazione:Se le cose stanno così, diamo il benvenuto, nell’ormai vasta schiera degli scrittori di “noir italiano”, a Riccardo Targetti. E alla sua Città dei Segreti. Che per essere “esordio”, di carne al fuoco ne mette tanta quanta a narratori di minor talento e di più scarsa fantasia sarebbe bastata a confezionare tre o quattro meno robusti e impegnativi romanzetti. Ma figuratevi se uno come Targetti, che quando faceva l’olimpionico di nuoto è sceso in vasca con Mark Spitz, poteva accontentarsi di una tramina vaga, di un interno crepuscolare, di un piccolo omicidio senza importanza. No che non poteva! E infatti al suo Patrick Fitzwalder, giovane Sostituto Procuratore della Repubblica in volontario esilio in un’imprecisata, e orribilmente agiata, cittadina del Nord, ne capitano davvero di tutti i colori. A cominciare dallo scontro con il comitato d’affari che mantiene l’ambiente sotto il suo apparentemente soffice, in realtà spietato controllo. Attraverso l’eco di un misterioso delitto del passato. Nel cuore di una tumultuosa storia d’amore con una ninfetta anch’ella “young and innocent” in apparenza, e in realtà esposta a “scandalose” seduzioni. Il tutto passando per: traffici di droga; tratta delle bianche; porcate economico- finanziarie di vario rango; antichi e sedimentati odii familiari; amori e amorazzi di incerta natura…
La trama, diciamolo subito, è impossibile da riassumere. Se ci provassimo, oltretutto, renderemmo un pessimo servigio al lettore. Lo priveremmo del piacere di essere investito da rivelazioni che si susseguono a ritmo incalzante. Agnizioni impreviste e imprevedibili. Progressivo affollamento di comprimari e comparse, ciascuno vividamente descritto nel suo universo di valori (ma quasi sempre si tratta di disvalori). Con l’accompagnamento di una scrittura vivace, dove ironia e paura si alternano sapientemente. Insomma, una lettura godibilissima, nella quale l’osservatore più attento non mancherà di cogliere il ruolo predominante giocato da due delle ossessioni più ricorrenti di ciò che abbiamo identificato come “noir italiano”: la corruzione e la presenza dello Straniero. La prima il grande male dell’Italia d’oggi (ed è difficile negare, sul punto, l’influenza “professionale” del PM di Milano sullo scrittore). La seconda (la presenza dello straniero) la sua grande ambiguità.
Giancarlo de Cataldo

M
4 5

Reati societari

- La riforma del falso aziendale

Testo accademico

Autore: Riccardo Targetti Anno di pubblicazione: 2002

Il D. Lgs. n. 61/2002, che ha introdotto nel nostro ordinamento la riforma dei reati societari, ha stravolto antiche categorie e consolidati orientamenti in una delle più importanti figure di reato della criminalità economica, quella del falso in bilancio.
In questo volume l'Autore si cimenta in un commento "a caldo" al decreto, affrontando innanzi tutto il problema della continuità tra vecchia e nuova normativa. Al centro dell'analisi i nuovi e disscussi requisiti della fattispecie che ha sostituito il "vecchio" falso in bilancio e in comunicazioni sociali, quali le soglie di rilevanza, l'evento/danno e il nesso casuale con l'eventuale dissesto. L'Autore si sofferma, inoltre, su alcune fattispecie omologhe del falso in bilancio, quali il falso in prospetto, il falso del revisore e la falsità nei rapporti ciin la vigilanza, che sono state ricomprese nel termine di "falso aziendale". In quest'ottica sono prospettati i nuovi scenari che si apriranno a seguito dell'introduzione della riforma.
L'appendice finale contiene la nuova disciplina e il testo delle norme soppresse a confronto.

ISBN: 88-324-4732-0
M
4 5

Bancarotta e reati societari

Testo accademico

Autore: Riccardo Targetti - Renato Bricchetti Anno di pubblicazione: 2003

Il volume è giunto alla terza edizione, iteramente riveduta ed aggiornata con la più recente giurisprudenza. Nella prima parte, curata da Renato Bricchetti, sono illustrate e commentate le disposizioni concernenti i reati di bancarotta e gli altri reati previsti dalla legge fallimentare.
La seconda parte, curata da Riccardo Targetti, propone in sequenza una serie di casi pratici frequentemente ricorrenti.

ISBN: 88-14-10261-9 Acquista: disponibile presso le librerie Giuffrè
M
4

Il rischio penale nelle operazioni societarie, bancarie e finanziarie

Testo accademico

Autore: Riccardo Targetti Anno di pubblicazione: 2006

La sempre maggiore incidenza che le vicende economiche e finanziarie hanno nel mondo della Giustizia ha progressivamente delineato i caratteri di un vero e proprio settore del diritto penale: quello dell'economia, contrassegnato da autonomi principi, esigenze e prassi. Tutto ciò ha dato lo spunto all'Autore per riassumere in dieci capitoli alcune delle problematiche più attuali di questa branca del diritto. Si tratterà, tra gli altri, degli effetti di taluni istituti del nuovo diritto societario sul delitto di bancarotta; delle ricadute "nel penale" di diffusi strumenti economici, come la cartolarizzazione dei crediti e i prodotti derivati; delle prospettive che si aprono di fronte a nuovi istituti giuridici, come la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche; del rischio penale a cui potranno andare incontro professioni vecchie e nuove; dei profili penali che possono sorgere nella stipula o nell'esecuzione di diffusi modelli contrattuali, come la concessione di finanziamento e il leasing; degli strumenti di accesso dell'autorità giudiziaria al mondo bancario. Una carrellata che potrà rappresentare per il lettore un mezzo di lavoro e un'occasione di riflessione.

ISBN: 88-88993-10-X
M

Racconti

Racconti - pensieri e idee

  • LA CRISI DEL 1914Come si è arrivati al suicidio dell’Europa

  • CAPORETTO OLTRE IL MITOLa storia di una sconfitta, la storia di una vittoria, storie di uomini in guerra

  • BRITAIN’S KINGS & QUEENSRe e Regine – da Alfredo il Grande a Elisabetta II

  • Mr. PRESIDENTBreve storia degli Stati Uniti attraverso le biografie dei suoi presidenti

M
5

LA CRISI DEL 1914

Come si è arrivati al suicidio dell’Europa

Autore: Riccardo Targetti

In soli sette drammatici giorni una crisi diplomatica, scoppiata in un paese periferico, precipitò l’Europa in una conflagrazione generale. La Grande Guerra avrebbe sconvolto il continente per quattro anni, avrebbe ucciso o deturpato milioni di uomini, distrutto quattro imperi e fatto da incubatrice ai totalitarismi del XX secolo. E più che altro avrebbe demolito il mito della superiorità della vecchia Europa. Ma avrebbe anche cambiato per sempre i rapporti politici, economici, sociali, culturali, familiari e persino piscologici dell’“uomo europeo”. Per anni si è cercato il responsabile di quella catastrofe. In queste pagine viene offerta una visione differente da quella della storiografia tradizionale, che ha sempre pigramente indicato le colpe degli sconfitti.

Scarica qui la versione completa in pdf

M
4 5

CAPORETTO OLTRE IL MITO

La storia di una sconfitta, la storia di una vittoria, storie di uomini in guerra

Autore: Riccardo Targetti

Una sintetica ricostruzione della disfatta dell’esercito italiano a Caporetto; un piccolo centro ai piedi delle Alpi Giulie, che da allora in poi avrebbe significato sconfitta militare, finendo a dare il nome anche ai fallimenti, agli insuccessi, ai rovesci o alle delusioni di ogni tipo. Attraverso una rapida cronologia dei drammatici giorni dell’autunno 1917, viene suggerita una spiegazione del perché uno dei più potenti eserciti del mondo di allora sembrò quasi evaporare, per poi riuscire a riprendersi e contrattaccare, seguendo una costante nella storia d’Italia.

Scarica qui la versione completa in pdf

M
4 5

BRITAIN’S KINGS & QUEENS

Re e Regine – da Alfredo il Grande a Elisabetta II

Autore: Riccardo Targetti

Un saggio un giorno disse che in futuro nel mondo sarebbero rimasti solo cinque re: il re di cuori, il re di quadri, il re di fiori, il re di picche e il re d’Inghilterra. Non esiste paese europeo che si identifichi come l’Inghilterra (dapprima da sola e poi nel Regno Unito) con l’istituto della monarchia; anche se vi sono state epoche in cui oltre Manica ci si pose il problema di superare un’istituzione all’epoca in perdita di prestigio. Ma poi arrivava sempre il personaggio “giusto”; colui che avrebbe dato ragione a quel saggio. Re oscuri, affondati nelle nebbia del passato, o figure assurte alla ribalta mondiale; semi deficienti o giganti della storia; ingenui visionari o cinici avventurieri; uomini di scienza e cultura o brutali scannatori di nemici; tutti hanno però contribuito a fondare la più antica monarchia del mondo.

Scarica qui la versione completa in pdf

M
4 5

Mr. PRESIDENT

Breve storia degli Stati Uniti attraverso le biografie dei suoi presidenti

Autore: Riccardo Targetti

Quando sul finire del XVIII secolo gli ex coloni di Sua Maestà Britannica, in un mondo che allora (Svizzera e Venezia a parte) conosceva solo re e imperatori, dovettero darsi un Capo, pensarono a una via di mezzo tra un monarca (di cui avrebbe avuto i poteri) e un console romano (che come quello, sarebbe stato eletto dal popolo). Da allora si sono succeduti 44 presidenti (più uno, quello degli Stati Confederati). E’ attraverso le loro vite, le loro idee, le loro gesta e le loro inclinazioni politiche e persino i loro tratti psicologici che si è dipanata (a volte sviluppandosi, a volte involvendo) la democrazia della Repubblica a Stelle e Strisce.

Scarica qui la versione completa in pdf

M

Biografia

Riccardo Targetti

Mi chiamo Riccardo Targetti, sono nato a Milano nel 1952 e sono un magistrato, un Pubblico Ministero della mia città. All’inizio della mia carriera mi sono occupato di processi contro la criminalità organizzata e successivamente di reati economici (bancarotte, falsi in bilancio, frodi fiscali, truffe in danno dello Stato). Grazie alle mie competenze giuridiche, ho scritto negli anni alcune monografie di diritto penale (v. pagine pubblicazioni). In gioventù ho praticato il nuoto agonistico, vincendo diversi titoli italiani (nello stile libero) e partecipando a varie competizioni di prestigio, la principale delle quali è stata l’Olimpiade del 1972, quella tristemente famosa per la strage degli atleti israeliani; strage alla quale ho purtroppo assistito in diretta. Quando la produzione Steven Spielberg presentò il film Munich, fui invitato all’anteprima, come testimone diretto.

Col tempo mi sono reso conto che le fiction poliziesco-giudiziarie italiane raramente sono realistiche, perché condizionate dai molti pregiudizi e stereotipi che circolano sulle indagini criminali e sui processi penali nel nostro Paese. È nata quindi l’idea di pubblicare dei gialli/noir, per scrivere i quali mi sono ispirato anche alle varie esperienze, vissute come magistrato inquirente. Sono così nati “La città dei segreti” nel 2005 e “Settimana di Turno” nel 2008; due racconti che vedono il protagonista, Patrick Fitzwalder, magistrato sudtirolese trapiantato nella Pianura Padana, affrontare dapprima uno spietato comitato d’affari, che tiene in pugno una cittadina di provincia e tentare poi di venire a capo del mistero sulla morte di un imprenditore edile e di una giovane nuotatrice. Nel terzo libro, “Sopravvivenza 0,1%” pubblicato nel 2013, l’angusto scenario locale dei primi due libri cambia radicalmente, dando spazio all’avventurosa indagine per le contrade di mezzo mondo su uno strano incidente, dove ha perso la vita una biologa italiana; una discesa tra gli inquietanti misteri di quella morte da parte della sorella e di un ufficiale dei carabinieri. Nella quarta opera, “L’ultima via d’uscita”, in libreria dal 2 luglio 2015, un anziano magistrato, che lavora nella Milano del Fascismo, incappa in un caso che non avrebbe mai dovuto riaprire e lentamente inizia a riflettere su un Regime, che un tempo aveva appoggiato con entusiasmo e che ora gli appare sempre più violento e oppressivo.

Per muovermi nel mondo della narrativa gialla ho spesso fatto ricorso alla mia famiglia. Mia moglie, infatti, insegna lettere al liceo classico e mi sono spesso servito delle sue competenze linguistiche; mio figlio è laureato in informatica e ha aiutato un semi-analfabeta digitale come me a pubblicare la mia terza opera letteraria on-line; mia figlia studia medicina ed è la mia consulente per gli aspetti medico-legali.

M

Contatti

info@riccardo-targetti.it

E-mail
Oggetto
Messaggio